top of page

Viva la pizza!

Aggiornamento: 27 lug 2023

La pizza è un alimento molto amato dalla maggior parte dei bambini, sia "bianca" condita solo con un po'di olio di oliva e rosmarino, sia con l'aggiunta di salsa di pomodoro, mozzarella e altri condimenti a piacere.


Pizza "colpevole" di sovrappeso e obesità?

Spesso quando si parla di obesità (infantile e non) si punta il dito contro questo alimento, che viene quindi bandito dalla stragrande maggioranza delle diete. Ma è davvero un alimento da dimenticare se ci si vuole alimentare in modo sano?

No! In realtà la pizza, come qualunque altro cibo o alimento, va semplicemente inserita nel piano alimentare in modo corretto. Ciò significa conoscere di cosa è costituita e valutare quali alimenti può sostituire. La pizza è fondamentalmente costituita da un impasto fatto da farina (vari tipi di farina sono possibili), acqua, lievito di birra e sale. A questo impasto si aggiungono, a piacere, svariati condimenti. La pizza margherita, che prevede unicamente l'aggiunta di mozzarella e salsa di pomodoro, apporta circa 270 Kcal per 100 grammi. Una classica pizza rotonda del pizzaiolo di 300g (grandezza media), a seconda del condimento richiesto, può apportare dalle 700 a più di 1000Kcal.

Alla luce di ciò, si può tranquillamente stabilire che una pizza margherita di grandezza adeguata (circa 300 grammi per gli adulti e più piccola per i bambini), con un'insalata come antipasto e un frutto come dessert costituisce un piatto unico completo, che si può proporre con una frequenza di 1 volta a settimana.

Come per tutti gli altri alimenti, se si superano i limiti delle raccomandazioni, il rischio è quello di ingerire una quantità di calorie eccessive per i bisogni del nostro corpo. Un comportamento sbagliato sul medio-lungo termine aumenta il rischio di sovrappeso e obesità.


La pizza come spuntino di metà mattina o per merenda?

Uno spuntino dovrebbe essere composto principalmente da carboidrati ed essere povero di grassi e proteine. Un piccolo trancio di pizza margherita o marinara (max 50g) può costituire uno spuntino adeguato di tanto in tanto, ma non apporta vitamine nè fibre, nè sali minerali. Come sempre quindi l'importante è considerare le giuste quantità in funzione dell'età del bambino e variare il più possibile la scelta degli alimenti nel corso della settimana (no al pezzo di pizza tutti i giorni).


Breve considerazione doverosa

Facciamo attenzione anche alla bibite. Spesso la pizza viene accompagnata dagli adulti da bibite alcoliche come la birra o la panaché, e da bevande zuccherate dai bambini. Questa scelta aumenta in modo considerevole l'apporto calorico e non fornisce nessuna fonte utile di sostanze nutritive. L'acqua è sempre la soluzione migliore!


In sintesi

Possiamo continuare a mangiare pizza senza violare le regole per un'alimentazione sana ed equilibrata. L'importante è fare attenzione alla quantità e alla frequenza.



12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Комментарии


bottom of page